fenice
IL BLOG DI MIRELLA ESSE

LE DISAVVENTURE DI UNA SCRITTRICE, ovvero, il primo EBOOK autopubblicato

22/03/2016, 09:08

LE-DISAVVENTURE-DI-UNA-SCRITTRICE,-ovvero,-il-primo-EBOOK-autopubblicato

Istruzioni per trascorrere il week end di inizio primavera davanti al pc e cominciare la settimana con la congiuntivite

22/03/2016, 09:08

angelo, ebook, ilmiolibro, autopubblicazione, INPS, fatture elettroniche, libro cartaceo, informatizzazione, burocrazia, processo civile, pensione, narrativa, Manuzio, Bassiano



LE-DISAVVENTURE-DI-UNA-SCRITTRICE,-ovvero,-il-primo-EBOOK-autopubblicato


 Istruzioni per trascorrere il week end di inizio primavera davanti al pc e cominciare la settimana con la congiuntivite



Continuano le mie disavventure di scrittrice... chi avrà la pazienza di leggerle, credo proprio che in qualche modo si rispecchierà: sono quelle di chiunque abbia a che fare con la progressiva, quotidiana virtualizzazione delle pratiche burocratiche. Di mia madre ottantaquattrenne con il "pin" dell’INPS per il controllo della pensione, tanto per intenderci (che ovviamente demanda a me, non avendo mai non dico usato, ma nemmeno visto un pc). Della sottoscritta in veste professionale con la fatturazione elettronica alla pubblica amministrazione, il sistema TS (tessera sanitaria), la informatizzazione del processo civile etc etc.
L’autopubblicazione di un libro cartaceo sui siti specializzati, pur semplificata rispetto al recente passato, non è esente da mani nei capelli, occhiaie viola e accidenti che rimbalzano sul muro difronte alla scrivania. Visto che me lo creo da sola, vorrei che rispettasse la mia impostazione, impaginazione, etc. Sì, lo fa, ma la copertina non viene come vorresti, l’anteprima non si apre e così via (filo diretto con l’assistenza, esattamente come per firma digitale e fatture elettroniche).
Ma veniamo al dunque. Pubblicato e messo in vetrina il testo cartaceo, è possibile trasformarlo gratuitamente in ebook, per ottenerne una versione più economica e fruibile, nell’intento di una maggiore divulgazione dell’opera. Non so come fate voi, io quando mi trovo davanti a pagine di istruzioni in rete, le leggo al volo sperando che qualche santo mi aiuti, poi provo, un pò a casaccio, confesso. Il risultato è fallimentare, ma non demordo, rileggo, un pò meno al volo, e di nuovo mi scontro con il no del sistema, e leggo ancora e riprovo, in un testardo circolo vizioso, finché mi rassegno a seguire alla lettera le indicazioni, che non sono poi così chiare e immediate. Un esempio? Carico il file del testo, più o meno formattato come si deve, ma compare la scritta rossa "errore". Insisto. Dopo tre ore, sulla soglia della disperazione, appare una postilla, sempre in rosso, in cui si dice che non è accettato un nome di file con segni particolari. Tolgo l’apostrofo di "L’angelo"  (L’angelo di Bassiano"), che diventa Langelo, e magicamente il file si carica, ma dall’anteprima scopro che il testo formattato secondo le istruzioni è tutto sballato, la copertina segata a metà. Per farla breve, due giorni di tortura, lima qua, togli le immagini, cambia l’impostazione dei capitoli, cambia carattere. Pubblicato l’ebook, infine, ma non è la stessa cosa! E’ un’opera monca, ma tant’è, per l’ebook professionale mi è arrivato un preventivo di centonovanta euro... ci si può accontentare no?


1
Create a website